Beyond Bulls & Bears

Azionari

Perché il rimbalzo degli utili europei potrebbe dare slancio agli investitori Value attivi

L’investimento Value europeo è una strategia che gli investitori hanno tendenzialmente trascurato negli ultimi anni. Ma in realtà, a partire dal 1999, lo stile Value europeo ha avuto una performance migliore del Growth, dimostrandosi particolarmente resiliente nei momenti in cui le azioni non statunitensi e value globali si sono generalmente mosse con difficoltà.[1] Dylan Ball, Executive Vice President, Templeton Global Equity Group, spiega perché ritiene che l’investimento in titoli Value europei sia destinato a brillare.

Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Cinese semplificato Olandese Francese Tedesco Polacco

 

Negli ultimi trimestri, le azioni europee sono state oggetto di un generale risveglio dell’interesse degli investitori, essenzialmente sotto forma di flussi passivi. Riteniamo tuttavia che l’aumento d’interesse generale degli investitori sia legittimo, considerando le attuali condizioni positive in Europa.

Osserviamo segnali indicanti che le società europee ricominciano a registrare una crescita degli utili e siamo convinti che i fondamentali torneranno ad occupare una posizione centrale nelle decisioni d’investimento. È proprio in questo contesto che al momento rileviamo un forte valore nelle strategie azionarie europee attive.

Due componenti: valutazioni ed utili

Molti indici dei mercati azionari di tutto il mondo hanno toccato recentemente massimi storici. I rapporti prezzo-valore contabile in Europa rimangono tuttavia inferiori alle loro medie di lungo termine, in alcuni casi fino a una deviazione standard.[2]

Crediamo pertanto nella validità di una tesi di opportunità di valore in Europa.  I gestori attivi possono esaminare attentamente le valutazioni di ogni singola società all’interno di un indice.

Una potenziale duplice opportunità

Osserviamo una potenziale duplice opportunità. I livelli prezzo-utile (P/E) in Europa sono bassi in termini storici.[3]   E in tutta la regione, vi sono segnali di ripresa degli utili societari. Dai prezzi delle azioni abbiamo già potuto notare come gli investitori stiano cercando di anticipare le fasi iniziali di un rimbalzo degli utili.

L’attuale rapporto P/E normalizzato, usato per eliminare gli effetti stagionali di breve termine, è 19,2 per l’Europa, mentre negli Stati Uniti il multiplo è quasi 29 volte.

A nostro avviso, la differenza è notevole. Se esaminiamo i rapporti P/E normalizzati in termini storici, il rapporto P/E medio di lungo termine in Europa è 21,5. Di conseguenza, riteniamo che dovrebbe esserci un considerevole potenziale di rialzo per le azioni europee.

Al contempo, è chiaro che gli utili societari europei stanno ancora cercando di riprendersi completamente dalla crisi finanziaria globale del 2007–2009, come è già successo in altre regioni.

Motivi di ottimismo

A nostro giudizio, esistono altri motivi di ottimismo. In particolare, vi sono segnali di una ripresa macroeconomica in atto.

Crediamo che la svalutazione dell’euro sia in procinto di cessare e riteniamo che ciò sia generalmente un buon segnale per le azioni europee, in quanto dimostra che è in corso una certa ripresa. Inoltre, le opportunità di beneficiare potenzialmente della svalutazione della valuta rispetto al dollaro sono cambiate rispetto a due o tre anni fa.

Per quanto riguarda il ciclo del credito, la crescita dei prestiti ha un andamento positivo dal 2015. In effetti, stiamo assistendo ad una crescita positiva dei prestiti intorno al 2-3%[4], e non solo nei portafogli di finanziamenti societari, ma anche in quelli delle famiglie (vedi grafico).

Inoltre, alla fine di agosto 2017, nell’eurozona la disoccupazione era al minimo degli ultimi otto anni,[5] mentre l’indice dei responsabili degli acquisti (PMI) del segmento manifatturiero[6] era al massimo degli ultimi sei anni.[7] Nel secondo trimestre del 2017, la crescita del prodotto interno lordo (PIL) europeo ha superato i livelli statunitensi per la prima volta dal 2007.

Cosa significa questo per gli investitori?

Riteniamo che, alla luce di questi fattori macroeconomici positivi, sia degno di nota che gli utili societari europei siano ancora inferiori del 48% ai massimi pre-crisi finanziaria. Al confronto, gli utili statunitensi sono superiori di circa il 16% ai massimi pre-crisi del 2008.

Ai nostri occhi questo è un segnale di potenziali opportunità.

Ma per esplorare tali opportunità, tuttavia, dobbiamo capire perché gli utili in Europa siano rimasti inferiori a quelli degli Stati Uniti.

Osserviamo una discrepanza notevole. Gli utili europei non si sono ripresi, a differenza dei ricavi e delle vendite top-line in Europa. Ciò solleva alcuni interrogativi. Le società europee sono meno competitive? Il programma di stimoli della Banca Centrale Europea si sta dimostrando meno efficace rispetto a quello della Federal Reserve in termini di effetti sull’economia in generale?

La risposta sembra essere nei margini di profitto delle società europee.

Come abbiamo rilevato in passato, le società europee tendono a muoversi in funzione dei prezzi. Quando l’inflazione scende, le imprese europee tendono a tagliare i prezzi in modo da competere con quelle statunitensi ed asiatiche, mentre quando l’inflazione risale, tendono ad aumentarli.

Di conseguenza, una volta che le società europee reagiscano a un aumento dell’inflazione, tci aspettiamo che sparisca il divario degli utili rispetto agli Stati Uniti.

E riteniamo che con il riemergere dei fondamentali dei singoli titoli come elemento di differenziazione delle performance, la gestione attiva possa veramente dimostrare il suo valore.  La nostra analisi suggerisce che ciò stia probabilmente già avvenendo.

Note Informative e Legali

I commenti, le opinioni e le analisi rappresentano i pareri personali dei gestori degli investimenti ed hanno finalità puramente informative e d’interesse generale e non devono essere considerati come una consulenza individuale in materia di investimenti né come una raccomandazione o sollecitazione ad acquistare, vendere o detenere un titolo o ad adottare qualsiasi strategia di investimento. Non costituiscono una consulenza legale o fiscale. Le informazioni fornite in questo materiale sono rese alla data di pubblicazione, sono soggette a modifiche senza preavviso e non devono essere intese come un’analisi completa di tutti i fatti rilevanti relativi ad un paese, una regione, un mercato od un investimento.

Nella redazione di questo materiale potrebbero essere stati utilizzati dati provenienti da fonti esterne che non sono stati controllati, validati o verificati in modo indipendente da Franklin Templeton Investments (“FTI”). FTI non si assume alcuna responsabilità in ordine a perdite derivanti dall’uso di queste informazioni e la considerazione dei commenti, delle opinioni e delle analisi in questo materiale è a sola discrezione dell’utente. Prodotti, servizi ed informazioni potrebbero non essere disponibili in tutte le giurisdizioni e sono offerti da società affiliate di FTI e/o dai rispettivi distributori come consentito dalle leggi e normative locali. Si invita a rivolgersi al proprio consulente professionale per ulteriori informazioni sulla disponibilità di prodotti e servizi nella propria giurisdizione.

Quali sono i rischi?

Tutti gli investimenti comportano rischi, inclusa la possibile perdita del capitale. Il valore degli investimenti può subire rialzi e ribassi; di conseguenza, gli investitori potrebbero non recuperare l’intero ammontare del proprio investimento. Gli investimenti esteri comportano rischi particolari quali fluttuazioni dei cambi, instabilità economica e sviluppi politici. Gli investimenti nei mercati emergenti, un segmento dei quali è costituito dai mercati di frontiera, implicano rischi più accentuati connessi con gli stessi fattori, oltre a quelli associati alle dimensioni minori dei mercati in questione, ai volumi inferiori di liquidità ed alla mancanza di strutture legali, politiche, economiche e sociali consolidate a supporto dei mercati mobiliari. I rischi associati ai mercati emergenti sono generalmente amplificati nei mercati di frontiera poiché gli elementi summenzionati (oltre a vari fattori quali la maggiore probabilità di estrema volatilità dei prezzi, illiquidità, barriere commerciali e controlli dei cambi) sono di norma meno sviluppati nei mercati di frontiera. I prezzi delle azioni subiscono rialzi e ribassi, talvolta estremamente rapidi e marcati, a causa di fattori che riguardano singole società, particolari industrie o settori o condizioni di mercato generali. I prezzi delle obbligazioni si muovono di norma in direzione opposta a quella dei tassi d’interesse. Di conseguenza, a mano a mano che i prezzi delle obbligazioni detenute in un portafoglio d’investimento si adeguano ad un aumento dei tassi d’interesse, il valore del portafoglio può diminuire.

______________________________________

[1] Fonte: FactSet, MSCI. Al 30 settembre 2017. I segmenti Value e Growth europei sono rappresentati rispettivamente dall’Indice MSCI European Value e dall’Indice MSCI European Growth. MSCI non rilascia alcuna garanzia e non ha alcuna responsabilità in merito ai dati MSCI riprodotti nel presente documento. Le performance passate non sono indicazione o garanzia di performance future. Per maggiori informazioni sui fornitori di dati, si rimanda al sito web www.franklintempletondatasources.com.

[2] La deviazione standard è considerata una misura della volatilità, rappresentando la deviazione di un gruppo di dati da una media.

[3] Il rapporto P/E è un multiplo di valutazione definito come il prezzo di mercato per azione diviso per l’utile per azione (EPS) annuo.

[4] Fonte: Thomson Reuters, Credit Suisse Research. Ultimi dati al 13 ottobre 2017.

[5] Fonte: FactSet, Eurostat

[6] L’indice dei responsabili degli acquisti è un sondaggio mensile usato come indicatore della salute economica del settore manifatturiero.

[7] Fonte: FactSet, Markit