Beyond Bulls & Bears

Obbligazionari

Elezioni parlamentari europee: un barometro del pensiero europeo?

Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Francese Tedesco

Le elezioni parlamentari europee in genere non generano grande interesse nei giornali internazionali, ma con la Brexit ancora irrisolta, questa volta sono al centro dell’attenzione. Secondo il nostro responsabile del reddito fisso europeo David Zahn gli elettori stanno chiaramente sfogando le loro frustrazioni, ma ciò che è veramente necessario per ripristinare una maggiore fiducia degli investitori è la certezza sul percorso da seguire.

Normalmente, non consideriamo le elezioni parlamentari europee come particolarmente significative per i mercati finanziari.

Ma questi non sono tempi normali e ci aspettiamo un’importante analisi di questi risultati.

Come previsto, i partiti populisti di estrema destra hanno ottenuto buoni risultati, ma non hanno la maggioranza in parlamento. I verdi hanno anche vinto più seggi.

E anche se questi risultati elettorali difficilmente avranno un impatto diretto sui mercati in generale, potrebbero rappresentare un barometro di ciò che pensa l’Europa. Tradizionalmente, l’elezione dei membri del Parlamento europeo è vista come un’opportunità per gli elettori di sfogare la loro frustrazione e generalmente vediamo molti voti di protesta. Quindi, siamo cauti nel leggere troppi significati nei risultati.

Tuttavia, ogni volta che un investitore può ottenere ulteriori informazioni sul sentiment, pensiamo che possa essere utile.

Riconosciamo che gli investitori a reddito fisso possono essere preoccupati che una significativa rappresentanza populista nel Parlamento europeo potrebbe soffocare le riforme e ostacolare la crescita tanto necessaria.

Sicuramente sosteniamo che l’Europa ha bisogno di riforme per far muovere la sua economia e incoraggiare un maggiore potenziale di crescita.

È importante ricordare che, oltre a limitare l’immigrazione, non c’è molto su cui le diverse fazioni di estrema destra in tutta Europa siano effettivamente d’accordo. Quindi, non hanno un’agenda da spingere. Ma, pensiamo che abbiano il potenziale per essere dirompenti.

Molto più potenti dei deputati europei sono i presidenti dei vari rami della burocrazia europea. Questi organismi comprendono: la Commissione Europea, il Consiglio Europeo, il Parlamento Europeo e la Banca Centrale Europea.

Avere una quota maggiore di partiti più estremisti nel Parlamento Europeo può rendere quelle nomine, che dovrebbero aver luogo nei prossimi mesi, un processo meno agevole rispetto al passato.

Che ruolo hanno gli eurodeputati del Regno Unito?

La partecipazione del Regno Unito a queste elezioni ha aggiunto ulteriore interesse. A causa del ritardo nella Brexit, il Regno Unito sta eleggendo i deputati al Parlamento europeo, ma non sappiamo per quanto tempo gli eletti vi siederanno effettivamente.

E non sappiamo per certo cosa succederà a quei seggi al Parlamento europeo una volta che il Regno Unito se ne andrà. I posti saranno ridistribuiti immediatamente tramite elezioni suppletive? Prima dell’inclusione inaspettata del Regno Unito in queste elezioni, i suoi seggi erano già stati riallocati in una serie di altri paesi.

Se si dovessero verificare elezioni suppletive, la composizione politica del parlamento potrebbe cambiare di nuovo.

Allo stesso modo, il successo nel Regno Unito per il Brexit Party potrebbe essere una vera spina nel fianco del Parlamento Europeo, almeno fino a quando il Regno Unito non se ne andrà. Ci aspettiamo che i suoi eurodeputati facciano molto rumore e siano il più dirompenti possibile per il parlamento.

Che percorso ora per Brexit?

Theresa May ha dichiarato che si dimetterà da primo ministro britannico il 7 giugno.

Molto si basa ora sull’identità del suo successore.

Data la forte performance del Partito pro Brexit nelle elezioni del Parlamento Europeo e il sentimento anti-UE tra la base dei Tories, ci aspettiamo che il nuovo leader arrivi dall’ala euroscettica del partito e che prenda una linea più dura sulla Brexit.

Pertanto, riteniamo che la possibilità di una Brexit senza contratto sia aumentata in modo significativo.

Lo scenario “no-deal” sta cominciando a riflettersi nei mercati: i rendimenti dei gilt a 10 anni sono scesi a circa l’1% e la sterlina ha subito una forte vendita nei confronti dell’euro nelle ultime settimane.

Molti contendenti hanno già lanciato il loro guanto di sfida. Non ci aspetteremmo che il nuovo primo ministro sia operativo prima di agosto o settembre, il che lascia poco tempo per qualsiasi rinegoziazione con l’Unione europea, supponendo che questa sia disposta a riaprire i colloqui.

Stimiamo una probabilità del 30% al 35% di Brexit no-deal

In questo contesto, stimiamo le possibilità di una Brexit senza accordi dal 30% al 35%, non perché la gente lo voglia, ma semplicemente perché non c’è tempo per mettere in atto un accordo per evitarlo.

La vera questione quindi è il grado in cui entrambe le parti sono in grado di mitigare gli effetti peggiori di una Brexit senza accordo.

Abbiamo già visto le autorità europee indicare che vorrebbero vedere alcune procedure in vigore fino a quando non saranno in grado di negoziare accordi di sostituzione adeguati. Questa tendenza alla ricerca di alcune soluzioni rapide potrebbe intensificarsi perché se la crescita europea dovesse rallentare, le autorità non vorranno nulla che possa rallentarla ulteriormente.

Note Informative e Legali

I commenti, le opinioni e le analisi rappresentano i pareri personali dei gestori degli investimenti ed hanno finalità puramente informative e d’interesse generale e non devono essere considerati come una consulenza individuale in materia di investimenti né come una raccomandazione o sollecitazione ad acquistare, vendere o detenere un titolo o ad adottare qualsiasi strategia di investimento. Non costituiscono una consulenza legale o fiscale. Le informazioni fornite in questo materiale sono rese alla data di pubblicazione, sono soggette a modifiche senza preavviso e non devono essere intese come un’analisi completa di tutti i fatti rilevanti relativi ad un paese, una regione, un mercato od un investimento.

Nella redazione di questo materiale potrebbero essere stati utilizzati dati provenienti da fonti esterne che non sono stati controllati, validati o verificati in modo indipendente da Franklin Templeton Investments (“FTI”). FTI non si assume alcuna responsabilità in ordine a perdite derivanti dall’uso di queste informazioni e la considerazione dei commenti, delle opinioni e delle analisi in questo materiale è a sola discrezione dell’utente. Prodotti, servizi ed informazioni potrebbero non essere disponibili in tutte le giurisdizioni e sono offerti da società affiliate di FTI e/o dai rispettivi distributori come consentito dalle leggi e normative locali. Si invita a rivolgersi al proprio consulente professionale per ulteriori informazioni sulla disponibilità di prodotti e servizi nella propria giurisdizione.

Quali sono i rischi?

Tutti gli investimenti comportano rischi, inclusa la possibile perdita del capitale. Il valore degli investimenti può subire rialzi e ribassi; di conseguenza, gli investitori potrebbero non recuperare l’intero ammontare del proprio investimento. Gli investimenti esteri comportano rischi particolari quali fluttuazioni dei cambi, instabilità economica e sviluppi politici. Gli investimenti nei mercati emergenti, un segmento dei quali è costituito dai mercati di frontiera, implicano rischi più accentuati connessi con gli stessi fattori, oltre a quelli associati alle dimensioni minori dei mercati in questione, ai volumi inferiori di liquidità ed alla mancanza di strutture legali, politiche, economiche e sociali consolidate a supporto dei mercati mobiliari. I rischi associati ai mercati emergenti sono generalmente amplificati nei mercati di frontiera poiché gli elementi summenzionati (oltre a vari fattori quali la maggiore probabilità di estrema volatilità dei prezzi, illiquidità, barriere commerciali e controlli dei cambi) sono di norma meno sviluppati nei mercati di frontiera. I prezzi delle azioni subiscono rialzi e ribassi, talvolta estremamente rapidi e marcati, a causa di fattori che riguardano singole società, particolari industrie o settori o condizioni di mercato generali. I prezzi delle obbligazioni si muovono di norma in direzione opposta a quella dei tassi d’interesse. Di conseguenza, a mano a mano che i prezzi delle obbligazioni detenute in un portafoglio d’investimento si adeguano ad un aumento dei tassi d’interesse, il valore del portafoglio può diminuire.