Beyond Bulls & Bears

Card image cap
Prospettive

In the Know: La scelta di Trump per il presidente della Fed è positiva per il mercato

“I mercati dovrebbero reagire con una certa tranquillità alla nomina di Powell, in quanto è già attualmente un governatore della Fed e più o meno rappresenta come stanno le cose, l’ordinaria amministrazione. Ha lavorato a fianco di Yellen dal 2012 e hanno una filosofia simile (tendenzialmente moderata).” - Christopher Molumphy, Franklin Templeton Fixed Income Group

Card image cap
Obbligazionari

La lunga strada verso la riduzione del bilancio della Fed

“L’enorme espansione pluriennale del bilancio della Fed ha avuto un potente effetto riconosciuto sui mercati finanziari, riducendo i rendimenti ed appiattendo la relativa curva. Ora gli investitori sembrano comunque prevedere che il processo contrario avrà un impatto scarso, se non nullo. Non siamo d’accordo” - Michael Hasenstab

Card image cap
Prospettive

Prepararsi a un possibile mondo post-LIBOR

“Riteniamo che la sostituzione del LIBOR con un benchmark alternativo sarebbe un evento significativo. I finanziatori globali usano il LIBOR per fissare tassi d’interesse per una varietà di prodotti finanziari, come ad esempio interest rate swap, prestiti a studenti, ipoteche, collateralized loan obligation (CLO) e prestiti a tasso variabile. Un cambiamento richiederebbe modifiche a contratti ed accordi di credito, per un valore di trilioni di dollari in attivi globali.” – Mark Boyadjian e Reema Agarwal, Franklin Templeton Fixed Income Group

Card image cap
Obbligazionari

I mercati sono del tutto consapevoli delle conseguenze del tapering della BCE?

“La decisione sul tapering dovrebbe portare la BCE verso un percorso di normalizzazione della politica monetaria, ma non ci aspettiamo che sarà breve. Prevediamo che l’Eurozona manterrà un approccio accomodante e bassi tassi d’interesse ancora per qualche tempo.” - David Zahn, Franklin Templeton Fixed Income Group

Card image cap
Multi-Asset

Uno sguardo selettivo al credito societario

“In linea con una valutazione positiva dei fondamentali economici, riteniamo che le condizioni del credito siano favorevoli. I tassi d’interesse restano bassi, i bilanci societari rimangono generalmente forti ed i costi di servizio del debito appaiono gestibili. I mercati sembrano ancora in grado di assimilare le offerte di debito”. – Ed Perks, Franklin Templeton Multi-Asset Solutions

Card image cap
Obbligazionari

L’intervento della Fed sul suo bilancio

La riunione di settembre della Federal Reserve sulla politica monetaria si è sostanzialmente svolta come previsto, in quanto i responsabili della politica monetaria statunitense hanno lasciato invariato il tasso d’interesse di riferimento di breve termine della banca centrale. La Fed non ha chiarito quando intenda cominciare a ridurre il proprio consistente bilancio ed ha aggiornato le proprie previsioni economiche e proiezioni per i tassi d’interesse. Chris Molumphy, CIO, Franklin Templeton Fixed Income Group, sostiene che quanto comunicato dopo l’ultima riunione della Fed non dovrebbe preoccupare molto i mercati e che il prossimo rialzo dei tassi d’interesse sembra con ogni probabilità destinato ad essere effettuato a dicembre.

Card image cap
Prospettive

La Germania decide: Il futuro dell’Europa dopo la rielezione di Angela Merkel

“Riteniamo che il livello di supporto dell’AfD rispecchi il voto di protesta di coloro che sono insoddisfatti della direzione che sta prendendo la situazione attuale in Germania. Ciò potrebbe influire sull’approccio di Angela Merkel all’analisi del suo futuro dopo la vittoria elettorale”. - David Zahn, Franklin Templeton Fixed Income Group

Card image cap
Obbligazionari

Come le elezioni tedesche potrebbero dettare la futura direzione dell’Europa

“In generale, l’Europa sta attraversando un periodo di ottimismo. Contrariamente a quanto molti osservatori si sarebbero potuti aspettare nove mesi fa, la struttura politica europea è probabilmente la più stabile degli ultimi 10 anni”. - David Zahn, Franklin Templeton Fixed Income Group

Card image cap
Prospettive

È il momento di adeguare le aspettative? Aggiornamento di settembre

I mercati globali hanno evidenziato una relativa calma quest’estate, nonostante molte incertezze. I rischi geopolitici hanno continuato a dominare la scena in tutto il mondo e, in alcune aree, sembrano inoltre imminenti cambiamenti nelle politiche monetarie. La domanda fondamentale che si pongono molti investitori è se il tranquillo periodo estivo di bassa volatilità cederà il passo a un autunno più turbolento. I leader degli investimenti senior di Franklin Templeton illustrano le loro riflessioni sui mercati e le aree in cui ravvisano future opportunità e rischi.

Card image cap
Obbligazionari

Perché il tapering della BCE potrebbe provocare un cambiamento nella filosofia dei mercati obbligazionari

“Sebbene alcuni commentatori possano mettere in discussione il fatto che la BCE debba intraprendere un tapering quando all’orizzonte ancora non si profila il suo obiettivo d’inflazione, tenderei a dire che è esattamente questo che deve fare la Banca Centrale”. David Zahn, Franklin Templeton Fixed Income Group

Card image cap
Obbligazionari

Fine dell’era QE dell’Eurozona?

"Sappiamo che la Banca Centrale Europea (BCE) tende a segnalare i cambiamenti al proprio approccio alla politica monetaria con un ampio anticipo rispetto alla loro attuazione. Ecco perché prevediamo che a breve il Presidente della BCE Mario Draghi annuncerà che il prossimo anno la banca comincerà a ridurre il programma di allentamento quantitativo (QE)”. David Zahn, Franklin Templeton Fixed Income Group

Card image cap
Obbligazionari

Il movimento di riforma indiano si rafforza

"Michael Hasenstab, CIO, Templeton Global Macro, si è di recente recato in India e analizza alcune delle riforme che l’hanno maggiormente entusiasmato, in quanto investitore obbligazionario globale. Come investitori obbligazionari, riteniamo che l’India sia un’area interessante. Ha un governo fiscalmente prudente, un’economia in fase di attenuazione, ma sostanzialmente resiliente ed una banca centrale che ha abbassato l’inflazione, mantenendo tassi appropriati”. Michael Hasenstab, 3 agosto 2017