Beyond Bulls & Bears

Azionari

Cosa potrebbe mettere a rischio la fase rialzista del mercato statunitense che dura da nove anni?

Questo mese ha segnato il nono anno della fase rialzista del mercato azionario statunitense. Dopo un rialzo così lungo, molti investitori ora probabilmente si stanno ponendo un interrogativo: cosa potrebbe causare una flessione sostenuta del mercato azionario statunitense?

Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Cinese semplificato Francese

Il 9 marzo 2018 ha segnato il nono anno dell’attuale fase rialzista del mercato azionario statunitense. È storicamente il secondo periodo più lungo di rialzo senza una correzione del 20%.[1]

È naturale chiedersi se la tendenza stia per subire un’inversione. Come notoriamente affermò Sir John Templeton: “I mercati al rialzo nascono nel pessimismo, crescono nello scetticismo, maturano nell’ottimismo e muoiono nell’euforia”.

E, come molti esperti hanno notato, le fasi di mercato rialzista non muoiono di vecchiaia. Tuttavia, alla luce della recente accentuazione della volatilità di mercato statunitense, molti investitori ora probabilmente si stanno ponendo un interrogativo: cosa potrebbe causare una flessione sostenuta del mercato azionario statunitense?

È nato un toro

Si potrebbe certamente sostenere che l’attuale fase “toro” del mercato azionario statunitense sia nata nel pessimismo. Come illustrato nel grafico seguente, è iniziata il 9 marzo 2009, sul finire della crisi finanziaria globale. Dagli abissi della crisi, l’indice S&P 500 è salito di oltre il 300% toccando a gennaio di quest’anno il massimo storico e superando quota 2.800.[2]

Non senza ostacoli, ma la fase rialzista statunitense ha superato le correzioni

Negli ultimi nove anni, l’attuale fase rialzista del mercato statunitense ha subito alcune notevoli correzioni, dove per correzione s’intende un calo uguale o superiore al 10%.[3] Ha superato l’inizio e la fine dell’allentamento quantitativo negli Stati Uniti e la crisi in altre parti del mondo.

Per esempio, l’indice S&P 500 è sceso del 19% durante la crisi del debito europeo da aprile a giugno 2011.[4] Tuttavia, il mercato azionario statunitense si è dimostrato resiliente e ha chiuso il 2011 con un rialzo annuale del 2%.[5]

Anche la flessione all’inizio di febbraio di quest’anno, quando l’indice S&P 500 ha subito il maggiore calo percentuale in un solo giorno dal 2011, non ha dato l’impressione di fare deragliare troppo la fase rialzista. Nella seconda parte del mese, i titoli statunitensi hanno generalmente recuperato parte del terreno.

Tuttavia, molti osservatori di mercato stanno ancora monitorando la possibile evoluzione di alcuni dei fattori ritenuti all’origine della flessione statunitense a febbraio, quali le stime di inflazione più elevata e un aumento dei tassi d’interesse.

In che modo una Fed più aggressiva potrebbe incidere sui titoli statunitensi?

In occasione della riunione di dicembre 2017 la Federal Reserve (Fed) ha aumentato il tasso d’interesse di riferimento, (il tasso dei fed fund) di 25 punti base portandolo a un range dell’1,25%-1,5%. In tale fase, il mercato era leggermente scettico in merito alla stima della Fed, ma è sembrato iniziare a cambiare opinione.

L’accelerazione dell’inflazione nel 2018 potrebbe indurre la Fed a operare una stretta della politica monetaria più rapida, sebbene la Fed non abbia fornito indicazioni in tal senso.

In occasione del giuramento al suo insediamento come presidente della Fed, Jerome Powell ha dichiarato che “l’approccio della Fed rimarrà invariato. Oggi, l’economia globale si sta riprendendo con forza per la prima volta da dieci anni. Stiamo attuando un processo di graduale normalizzazione sia della politica di tassi d’interesse che del nostro bilancio.”

Eliminazione delle emozioni

Nessuno può prevedere quando finirà l’attuale fase rialzista del mercato azionario statunitense. La fase rialzista più lunga nella storia degli Stati Uniti durò da ottobre 1990 a marzo 2000.[6] Si concluse con lo scoppio della bolla dot.com, dopo che le valutazioni dei titoli tecnologici persero qualsiasi correlazione con gli utili e la realtà.

Ecco perché i nostri professionisti dell’investimento sottolineano l’importanza di un processo d’investimento disciplinato che elimini la componente emotiva dagli investimenti.

Ecco un interessante video di finanza comportamentale sul concetto di “comportamento imitativo” che spiega in modo più colorito perché seguire la folla possa essere una cattiva idea.

Opinioni che potete usare

Ecco cosa dicono i nostri gestori di portafoglio:

“È importante sottolineare che pur potendo essere volatili nel breve termine, i mercati rispecchiano i fondamentali sottostanti delle società e dei paesi. A nostro giudizio, permangono i propulsori di crescita strutturali di lungo termine e un leggero aumento dei tassi d’interesse o dell’inflazione non dovrebbe avere alcun impatto negativo di rilievo.” – Stephen Dover, 13 febbraio 2018.

“Vi è molta compiacenza, si è fatta molta ingegneria finanziaria su alcune di tali ipotesi di bassi rendimenti e bassa volatilità. Nel momento in cui ciò dovesse realizzarsi, non sappiamo quali potrebbero essere le ripercussioni. E penso che questo sia uno dei pericoli della politica accomodante della Fed, l’aver accumulato questi fattori sconosciuti, che è fonte di preoccupazione. Quanto a noi, non sappiamo esattamente come crolleranno queste tessere del domino, ma sappiamo che uno dei fattori scatenanti sarà probabilmente rappresentato dai tassi [d’interesse] più elevati.” – Michael Hasenstab, 15 febbraio 2018.

”Riteniamo che il 2018 sarà probabilmente un anno più difficile per i titoli nel loro complesso. Tuttavia, crediamo che possa creare maggiori opportunità per la selezione di singoli titoli. Prevediamo che le società non statunitensi con storie interessanti di crescita di lungo periodo e vantaggi competitivi inattaccabili possano distinguersi, indipendentemente dall’andamento generale dei mercati nel corso dell’anno”. – Coleen Barbeau, 26 dicembre 2017.

La tua opinione

A tuo giudizio, che cosa potrebbe causare la fine della fase rialzista del mercato azionario statunitense? Vai alla nostra pagina Twitter @FTI_Italia, dove puoi votare e vedere cosa pensano gli altri!

 

 

Note Informative e Legali

I commenti, le opinioni e le analisi rappresentano i pareri personali dei gestori degli investimenti ed hanno finalità puramente informative e d’interesse generale e non devono essere considerati come una consulenza individuale in materia di investimenti né come una raccomandazione o sollecitazione ad acquistare, vendere o detenere un titolo o ad adottare qualsiasi strategia di investimento. Non costituiscono una consulenza legale o fiscale. Le informazioni fornite in questo materiale sono rese alla data di pubblicazione, sono soggette a modifiche senza preavviso e non devono essere intese come un’analisi completa di tutti i fatti rilevanti relativi ad un paese, una regione, un mercato od un investimento.

Nella redazione di questo materiale potrebbero essere stati utilizzati dati provenienti da fonti esterne che non sono stati controllati, validati o verificati in modo indipendente da Franklin Templeton Investments (“FTI”). FTI non si assume alcuna responsabilità in ordine a perdite derivanti dall’uso di queste informazioni e la considerazione dei commenti, delle opinioni e delle analisi in questo materiale è a sola discrezione dell’utente. Prodotti, servizi ed informazioni potrebbero non essere disponibili in tutte le giurisdizioni e sono offerti da società affiliate di FTI e/o dai rispettivi distributori come consentito dalle leggi e normative locali. Si invita a rivolgersi al proprio consulente professionale per ulteriori informazioni sulla disponibilità di prodotti e servizi nella propria giurisdizione.

Quali sono i rischi?              

Tutti gli investimenti comportano rischi, inclusa la possibile perdita del capitale. Il valore degli investimenti può subire rialzi e ribassi; di conseguenza, gli investitori potrebbero non recuperare l’intero ammontare del proprio investimento. Gli investimenti esteri comportano rischi particolari quali fluttuazioni dei cambi, instabilità economica e sviluppi politici. Gli investimenti nei mercati emergenti, un segmento dei quali è costituito dai mercati di frontiera, implicano rischi più accentuati connessi con gli stessi fattori, oltre a quelli associati alle dimensioni minori dei mercati in questione, ai volumi inferiori di liquidità ed alla mancanza di strutture legali, politiche, economiche e sociali consolidate a supporto dei mercati mobiliari. I rischi associati ai mercati emergenti sono generalmente amplificati nei mercati di frontiera poiché gli elementi summenzionati (oltre a vari fattori quali la maggiore probabilità di estrema volatilità dei prezzi, illiquidità, barriere commerciali e controlli dei cambi) sono di norma meno sviluppati nei mercati di frontiera. I prezzi delle azioni subiscono rialzi e ribassi, talvolta estremamente rapidi e marcati, a causa di fattori che riguardano singole società, particolari industrie o settori o condizioni di mercato generali. I prezzi delle obbligazioni si muovono di norma in direzione opposta a quella dei tassi d’interesse. Di conseguenza, a mano a mano che i prezzi delle obbligazioni detenute in un portafoglio d’investimento si adeguano ad un aumento dei tassi d’interesse, il valore del portafoglio può diminuire.

 

[1] Fonte: S&P Dow Jones Indices. Gli indici non sono gestiti e non è possibile investirvi direttamente. Non tengono conto di commissioni, spese e oneri di vendita. La performance del passato non costituisce un’indicazione di risultati futuri. Per altri termini e condizioni dei fornitori di dati, si rimanda al sito web www.franklintempletondatasources.com.

[2] Ibid.

[3] Ibid.

[4] Ibid.

[5] Ibid.

[6] Fonte: S&P Dow Jones Indices. Gli indici non sono gestiti e non è possibile investirvi direttamente. Non tengono conto di commissioni, spese e oneri di vendita. La performance del passato non costituisce un’indicazione di risultati futuri. Per altri termini e condizioni dei fornitori di dati, si rimanda al sito web www.franklintempletondatasources.com.