Beyond Bulls & Bears

Azionari

Colmare il divario con la performance europea

Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Cinese semplificato Tedesco Spagnolo

Nonostante la buona performance delle azioni europee nel 2019, Katrina Dudley, Portfolio Manager, Franklin Mutual Series, ritiene che persista un divario significativo con il valore e la performance dei titoli azionari statunitensi. In questo blog illustra i motivi del suo ottimismo riguardo allo scenario delle azioni value europee e discute di certi eventi che sta monitorando e che potrebbero essere determinanti per le decisioni degli investitori.

Nonostante le incertezze e le sfide attuali, riteniamo che anche nel 2020 le azioni europee potrebbero realizzare risultati positivi analoghi a quelli del 2019. Gli eventi che hanno determinato il rally del mercato nel 2019: una politica accomodante della banca centrale, un percorso più chiaro per la Brexit e il progresso verso un accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina, secondo noi restano fonti di ottimismo.

Questo scenario positivo, unito a recenti segni di stabilizzazione dell’indice dei direttori degli acquisti globale, ci fa pensare che le preoccupazioni per una recessione a breve termine, che avevano gettato un’ombra sulle prospettive all’inizio del 2019, all’inizio di questo nuovo decennio non costituiscono più alcun rischio. Inoltre, dopo il recente passaggio di potere al vertice della Banca Centrale Europea (BCE), dove Christine Lagarde si è insediata alla presidenza nel novembre 2019 e ha appena annunciato un riesame del suo obiettivo di inflazione, degli strumenti politici e della comunicazione, siamo convinti che la BCE potrebbe incoraggiare i governi a dare maggiore importanza allo stimolo fiscale per rivitalizzare le loro economie nei prossimi anni.

Temi d’investimento europei per il prossimo decennio

Guardando al futuro, scorgiamo vari altri motivi per cui gli investitori potrebbero essere disposti a considerare un aumento della propria esposizione ai titoli azionari europei, tra i quali acquisire un’esposizione a società con credenziali ambientali, sociali e di governance (ESG) relativamente più robuste. Gli afflussi di asset in investimenti con criteri ESG sono stati in costante aumento e il quadro normativo europeo continua a sostenere l’evoluzione di importanti informative e best practice ESG delle società europee, particolarmente per quanto riguarda la loro relazione con il cambiamento climatico.

Inoltre, riteniamo che un aumento dell’attivismo potrebbe essere un fattore favorevole per le azioni europee, considerando che gli azionisti attivi fanno sentire la loro voce nei rapporti con i team di gestione e i consigli di amministrazione. A nostro parere, questi scambi di idee potrebbero indurre le società a ristrutturare le loro operazioni per ottenere risultati migliori. In alcuni casi, abbiamo visto società che agivano come propri attivisti, valutando le opzioni disponibili per focalizzarsi e migliorare la razionalizzazione dividendo le attività tra entità separate.

Da un punto di vista della valutazione, come abbiamo ripetutamente affermato in quest’ultimo decennio, per qualche tempo lo stile d’investimento value è stato evitato, e nel 2019 le azioni growth hanno sovraperformato significativamente le loro controparti value. Riteniamo che il valore potrebbe riprendere a sovraperformare, soprattutto con la maggiore sensibilizzazione degli investitori ai livelli di valutazione dei titoli azionari.

È relativamente facile spiegare che cosa sia avvenuto nell’ultimi decennio: una forte performance di molti elementi “rivoluzionari” di tutto il mondo ha trainato la performance del mercato azionario statunitense. Molte società che hanno risentito maggiormente di questa rivoluzione hanno sede peraltro nel mercato europeo. Secondo noi la situazione è stata pienamente scontata nei prezzi del mercato, come dimostra il significativo divario di valutazione tra i mercati statunitense ed europeo.

Secondo la nostra analisi, i rendimenti dei dividendi delle azioni europee sono ancora interessanti rispetto ad azioni di altre regioni, tra cui gli Stati Uniti. Per gli investitori in cerca di rendimento, è difficile ignorare il rendimento da dividendi del 3,5% offerto dal mercato europeo, rispetto al rendimento da dividendi dell’1,8% dell’indice S&P 500.[1]

Gestire la volatilità di mercato

In questo scenario brillante per le azioni europee, stiamo monitorando anche altri eventi che potrebbero influire sul mercato. Le battaglie sul commercio, i conflitti geopolitici e la transizione al regime post-Brexit nel Regno Unito, nonché l’incertezza in attesa delle elezioni presidenziali negli Stati Uniti del 2020, potranno continuare a dominare le notizie relative all’economia nel 2020 e costituire una fonte straordinaria della volatilità di mercato.

La tensione nel Medio Oriente è andata aumentando dopo la morte di un contractor americano in Iraq a fine dicembre e un attacco aereo degli Stati Uniti il 3 gennaio che ha ucciso il generale iraniano Qassem Soleimani. Benché le tensioni commerciali si siano allentate con l’accordo commerciale “fase 1” sottoscritto da Stati Uniti e Cina, vi è ancora un numero significativo di problemi da risolvere. Riteniamo che non si possa escludere una nuova escalation delle ostilità.

Inoltre, i problemi pendenti legati alla Brexit e in attesa di definizione potrebbero portare quest’anno a un aumento della volatilità di mercato. Di conseguenza, preferiamo società con sede nel Regno Unito ma una robusta attività globale, i cui ricavi sono generati solo in misura modesta dal mercato domestico del Regno Unito.

La volatilità del mercato è preoccupante per gli investitori con un orizzonte temporale breve, ma noi investiamo nel lungo termine e siamo convinti di poter riuscire a superare bene questa turbolenza e trovare opportunità con valutazioni interessanti.

Informazioni legali importanti

Il presente materiale è d’interesse puramente generale e non deve essere interpretato come una consulenza d’investimento personale o una raccomandazione o sollecitazione di acquisto, vendita o detenzione di un titolo o adozione di una strategia d’investimento. Esso non costituisce una consulenza legale o fiscale.

Le opinioni espresse sono del gestore degli investimenti e i commenti, le opinioni e le analisi si intendono rese alla data di pubblicazione e sono soggette a modifiche senza preavviso. Le informazioni fornite in questo materiale non intendono costituire un’analisi completa di ogni fatto sostanziale concernente qualsiasi paese, regione o mercato.

Nella redazione di questo materiale potrebbero essere stati utilizzati dati provenienti da fonti esterne che non sono stati controllati, validati o verificati in modo indipendente da Franklin Templeton Investments (“FTI”). FTI non si assume alcuna responsabilità in ordine a perdite derivanti dall’uso di queste informazioni e la considerazione dei commenti, delle opinioni e delle analisi in questo materiale è a sola discrezione dell’utente.

Prodotti, servizi e informazioni potrebbero non essere disponibili in tutte le giurisdizioni e sono offerti da società affiliate di FTI e/o dai rispettivi distributori come consentito dalle leggi e normative locali. Si invita a rivolgersi al proprio consulente professionale per ulteriori informazioni sulla disponibilità di prodotti e servizi nella propria giurisdizione.

Pubblicato negli Stati Uniti da Franklin Templeton Distributors, Inc., One Franklin Parkway, San Mateo, California 94403-1906, (800) DIAL BEN/342-5236, franklintempleton.com – Franklin Templeton Distributors, Inc. è il distributore principale dei prodotti di Franklin Templeton Investments registrati negli Stati Uniti, i quali non sono assicurati dalla FDIC, non sono coperti da garanzia bancaria e sono disponibili esclusivamente nelle giurisdizioni in cui la loro offerta o sollecitazione è consentita ai sensi delle leggi e norme applicabili.

CFA® e Chartered Financial Analyst® sono marchi registrati di proprietà del CFA Institute.

Quali sono i rischi?

Tutti gli investimenti comportano rischi, inclusa la possibile perdita del capitale. Il valore degli investimenti può subire rialzi e ribassi; di conseguenza, gli investitori potrebbero non recuperare l’intero ammontare del proprio investimento. I prezzi delle azioni subiscono rialzi e ribassi, talvolta estremamente rapidi e marcati, a causa di fattori che riguardano singole società, particolari industrie o settori o condizioni di mercato generali. È possibile che i titoli value non aumentino di prezzo come previsto o subiscano un ulteriore calo di valore. Gli investimenti esteri comportano rischi particolari quali fluttuazioni dei cambi, instabilità economica e sviluppi politici. Il clima di incertezza politica attorno all’Unione Europea (UE) e l’instabilità finanziaria di alcuni paesi dell’UE potrebbero aumentare la volatilità di mercato e il rischio economico di un investimento in società in Europa.

____________________________________

[1] Fonte: Bloomberg, al 24 gennaio 2020.