Beyond Bulls & Bears

Azionari

Cosa sta guidando la volatilità del mercato petrolifero?

Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Cinese semplificato Francese Tedesco Spagnolo Polacco

Fred Fromm del Franklin Equity Group spiega perché la recente domanda del mercato petrolifero e gli shock dell’offerta sono sostanzialmente senza precedenti e stanno portando a prezzi del petrolio che sono antieconomici per quasi tutti gli operatori del mercato.

Alla riunione dell’OPEC + di venerdì, la Russia si è opposta ai tagli dell’offerta per compensare la riduzione della domanda che vediamo in seguito alla diffusione di COVID-19[1]. In risposta, nel fine settimana, l’Arabia Saudita ha abbassato i suoi prezzi di esportazione su tutta la linea, iniziando essenzialmente una guerra dei prezzi nel mercato petrolifero globale. L’idea sembra essere quella di costringere la Russia a tornare al tavolo delle trattative e ad accettare tagli alle forniture.

Riteniamo che la combinazione di uno shock della domanda (a causa dellˈepidemia di coronavirus) e uno shock dell’offerta (a causa delle riduzioni dei prezzi) sia sostanzialmente senza precedenti, senza equivalenti negli ultimi 30 anni a cui possiamo fare riferimento.

Prospettive

A nostro avviso, i prezzi del petrolio che stiamo vedendo attualmente sono antieconomici per quasi tutti gli operatori del mercato. Sebbene i produttori più costosi come quelli di scisto americano non possano chiaramente generare profitti a questi livelli, riteniamo che anche produttori più economici come la Russia vedranno delle sfide in questo contesto di prezzi. L’Arabia Saudita, pur avendo costi di produzione molto bassi, ha anche esigenze di spesa interna che probabilmente richiedono che i prezzi del petrolio siano più alti anche a lungo termine.

Ciononostante, riteniamo che ci sia spazio per i prezzi per rimanere depressi a breve termine, o anche per il resto del 2020. I prezzi del petrolio sono abbastanza spesso al di sotto o al di sopra i livelli di prezzo indicati dai fondamentali del mercato e potrebbe richiedere del tempo perché tornino a stabilizzarsi a livelli normalizzati.

A più lungo termine, i mercati dell’energia tendono ad auto-correggersi con prezzi bassi che portano a riduzioni dell’offerta che bilanciano il mercato e riteniamo che probabilmente vedremo una significativa distruzione dell’offerta a prezzi correnti poiché l’attività di perforazione viene differita o interrotta, in particolare tra i piccoli produttori e quelli con scarsi bilanci. Sebbene ciò possa essere salutare per i mercati petroliferi a lungo termine, sarà doloroso a breve termine e avrà un impatto su più settori sia all’interno che all’esterno del settore energetico.

Continuiamo ad avere fiducia nei produttori di qualità più elevata e nelle compagnie petrolifere integrate. È probabile che questi non solo siano in grado di resistere in un periodo di prezzi più bassi, simile a quello che abbiamo visto tra la fine del 2015 e l’inizio del 2016, ma siano anche in grado di posizionare bene le loro attività per l’inevitabile ripresa dei mercati. Riteniamo che questo processo richiederà tuttavia del tempo sebbene il mercato digerisca gli impatti dei molteplici fattori che fanno abbassare i prezzi.

Informazioni legali importanti

Il presente materiale è d’interesse puramente generale e non deve essere interpretato come una consulenza d’investimento personale o una raccomandazione o sollecitazione di acquisto, vendita o detenzione di un titolo o adozione di una strategia d’investimento. Questo documento non costituisce una consulenza legale o fiscale.

Le opinioni espresse sono del gestore degli investimenti e i commenti, le opinioni e le analisi si intendono rese alla data di pubblicazione e sono soggette a modifiche senza preavviso. Le informazioni fornite in questo materiale non intendono costituire un’analisi completa di ogni fatto sostanziale concernente qualsiasi paese, regione o mercato.

Nella realizzazione del presente materiale, possono essere stati utilizzati dati provenienti da fonti terze che Franklin Templeton (“FT”) non ha verificato, convalidato o certificato in modo indipendente. FT non si assume alcuna responsabilità in ordine a perdite derivanti dall’uso di queste informazioni e la considerazione dei commenti, delle opinioni e delle analisi in questo materiale è a sola discrezione dell’utente.

Prodotti, servizi e informazioni potrebbero non essere disponibili in tutte le giurisdizioni e sono offerti da società affiliate di FT e/o dai rispettivi distributori come consentito dalle leggi e normative locali. Si invita a rivolgersi al proprio consulente professionale per ulteriori informazioni sulla disponibilità di prodotti e servizi nella propria giurisdizione.

Pubblicato da Franklin Templeton International Services S.à r.l. Succursale Italiana – Corso Italia, 1 – 20122 Milano – Tel: +39 0285459 1- Fax: +39 0285459 222

CFA® e Chartered Financial Analyst® sono marchi registrati di proprietà del CFA Institute.

Quali sono i rischi?

Tutti gli investimenti comportano rischi, inclusa la possibile perdita del capitale. Il valore degli investimenti può subire rialzi e ribassi; di conseguenza, gli investitori potrebbero non recuperare l’intero ammontare del proprio investimento. I prezzi delle azioni subiscono rialzi e ribassi, talvolta estremamente rapidi e marcati, a causa di fattori che riguardano singole società, particolari industrie o settori o condizioni di mercato generali. Gli investimenti nel settore delle risorse naturali comportano rischi speciali, compresa una maggiore suscettibilità agli sviluppi economici e normativi negativi che interessano il settore. I prezzi delle azioni in crescita possono calare drasticamente se la società non riesce a soddisfare le proiezioni di utili o ricavi; i loro prezzi possono essere più volatili rispetto ad altri titoli, in particolare a breve termine. Le società più piccole possono essere particolarmente sensibili ai cambiamenti delle condizioni economiche e avere meno certe prospettive di crescita rispetto alle società più grandi e più affermate e possono essere volatili, soprattutto a breve termine. L’investimento in società estere comporta rischi speciali, tra cui fluttuazioni valutarie e incertezza politica.

 

[1] OPEC + è un’alleanza di produttori di petrolio, compresi membri e non membri dell’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio.