Beyond Bulls & Bears

Prospettive

ETF, volatilità e un’iniziazione durata 30 anni!

Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Polacco

Jason Xavier, Head of EMEA ETF Capital Markets, spiega il ruolo svolto  dagli exchange-traded funds nel consentire  di avere dei punti riferimento di prezzi in questi tempi di volatilità e la democratizzazione delle asset class.

I tempi in cui stiamo vivendo sono davvero senza precedenti.

Alla data di redazione di questo documento, i mercati statunitensi sono crollati, con il ribasso peggiore dal 1987 in un’unica giornata di contrattazioni! La mattina del 16 marzo anche molti mercati europei avevano perso più del 10%, dopo che la Federal Reserve degli Stati Uniti aveva quasi azzerato i tassi d’interesse e lanciato un programma di stimolo da 700 miliardi di dollari statunitensi. La chiusura odierna ha segnato per un’intera generazione la prima volta di perdite giornaliere del mercato azionario di queste dimensioni; non si era mai visto nulla di simile dal mercoledì nero del 1992 e il crollo del 1987! E per quanto grave e doloroso possa essere nel breve termine, proprio come è successo per periodi volatili del passato da questo nasceranno opportunità per il lungo periodo.

Il confronto con il 1987 è molto pertinente per gli ETF, considerando che proprio dopo la crisi di quell’anno la US Securities and Exchange Commission (SEC) aveva consultato il mercato in merito allo sviluppo di un prodotto in grado di agevolare l’aumento di liquidità, consentendo di acquistare /vendere con una singola operazione blocchi ingenti di azioni. Dopo non molto tempo, era nato l’ETF!

Considerando che il primo ETF è stato lanciato 30 anni fa sulla Toronto Stock Exchange, e qualche anno dopo negli Stati Uniti, è chiaro che gli ETF hanno ormai superato da tempo il periodo di iniziazione!  Fino a poco tempo fa, i timori che gli ETF avrebbero causato la prossima fase di depressione o che gli ETF creino e accentuino la volatilità sono stati argomento di discussione in certi gruppi ristretti.

Ricordiamo che la volatilità è una funzione dei flussi degli investitori ed è una conseguenza del comportamento umano. Anche se la volatilità del mercato è schizzata alle stelle, gli eventi della scorsa settimana hanno dimostrato che gli ETF non solo hanno consentito la democratizzazione delle asset class, ma attualmente sono anche usati attivamente come meccanismo per avere dei punti riferimento sui prezzi, particolarmente nel reddito fisso.

Apprezzare la market uncertainty in relazione agli scambi di ETF è fondamentale per apprezzare questo meccanismo sui prezzi offerto dai fondi scambiati in borsa (e utilizzato da molti investitori) in questi tempi dominati dalla volatilità.

In questi ultimi giorni si è assistito a scambi dei titoli sottostanti a livelli estremi, e a volte il limite minimo degli scambi è stato abbassato durante la giornata di trading. In questi periodi di calo del limite, il trading viene sospeso e la scoperta dei prezzi nei titoli sottostanti è limitata. In tali momenti, la market uncertainty è al massimo e la mancanza di chiarezza sui prezzi ha provocato un ampliamento degli spread degli ETF.

Tuttavia, la capacità degli ETF di essere negoziati nel mercato secondario e dei market makers di ETF di stabilire proxy hedging e modelli di pricing correlati ha consentito di scoprire prezzi e liquidità da mantenere, anche in questi periodi di stress e incertezza.

Dopo tre decenni dal lancio del primo ETF, il prodotto è ora più rilevante che mai. Mentre aumenta costantemente il numero degli investitori che ne accolgono favorevolmente le capacità e i possibili benefici, vi è una nuova generazione che sta già sfruttando in pieno le propensioni offerte dai periodi di volatilità dell’anno passato.

Informazioni legali importanti

Il presente materiale è d’interesse puramente generale e non deve essere interpretato come una consulenza d’investimento personale o una raccomandazione o sollecitazione di acquisto, vendita o detenzione di un titolo o adozione di una strategia d’investimento. Questo documento non costituisce una consulenza legale o fiscale.

Ogni società e case study citati in questo numero sono utilizzati a scopo puramente illustrativo; al momento non sono necessariamente detenuti investimenti da alcun portafoglio cui Franklin Templeton Investments fornisce consulenza. Le opinioni espresse intendono unicamente fornire informazioni sul modo in cui i titoli sono analizzati. Le informazioni fornite non costituiscono una raccomandazione o una consulenza finanziaria individuale per un titolo, una strategia o un prodotto d’investimento particolare e non costituiscono un’indicazione delle intenzioni di negoziazione di alcun portafoglio gestito da Franklin Templeton. La presente descrizione non costituisce un’analisi completa di tutti i fatti rilevanti relativi a un settore, un titolo o un investimento e non deve essere considerata come una raccomandazione d’investimento. Intende fornire una visione del processo di selezione del portafoglio e di ricerca. Quanto citato è stato ottenuto da fonti considerate affidabili, ma non è stato verificato in modo indipendente per quanto concerne la completezza o accuratezza. Queste opinioni non devono essere considerate come una consulenza in materia di investimenti o un’offerta di un particolare titolo. I rendimenti passati non sono indicazione o garanzia di risultati futuri.

Le opinioni espresse sono del gestore degli investimenti e i commenti, le opinioni e le analisi si intendono rese alla data di pubblicazione e sono soggette a modifiche senza preavviso. Le informazioni fornite in questo materiale non intendono costituire un’analisi completa di ogni fatto sostanziale concernente qualsiasi paese, regione o mercato.

Nella realizzazione del presente materiale, possono essere stati utilizzati dati provenienti da fonti terze che Franklin Templeton (“FT”) non ha verificato, convalidato o certificato in modo indipendente. FT non si assume alcuna responsabilità in ordine a perdite derivanti dall’uso di queste informazioni e la considerazione dei commenti, delle opinioni e delle analisi in questo materiale è a sola discrezione dell’utente.

Prodotti, servizi e informazioni potrebbero non essere disponibili in tutte le giurisdizioni e sono offerti da società affiliate di FT e/o dai rispettivi distributori come consentito dalle leggi e normative locali. Si invita a rivolgersi al proprio consulente professionale per ulteriori informazioni sulla disponibilità di prodotti e servizi nella propria giurisdizione.

Pubblicato da Franklin Templeton International Services S.à r.l. Succursale Italiana – Corso Italia, 1 – 20122 Milano – Tel: +39 0285459 1- Fax: +39 0285459 222

Quali sono i rischi?

Tutti gli investimenti comportano rischi, inclusa la possibile perdita del capitale. Il valore degli investimenti può subire rialzi e ribassi; di conseguenza, gli investitori potrebbero non recuperare l’intero ammontare del proprio investimento. Le commissioni di intermediazione e le spese degli ETF ridurranno i rendimenti. Le azioni ETF possono essere comprate o vendute per tutta la giornata al loro prezzo di mercato nella borsa nella quale sono quotate. Gli ETF sono negoziati come titoli azionari, il loro valore di mercato è soggetto a fluttuazioni e possono essere scambiati a prezzi superiori o inferiori al loro valore patrimoniale netto. Tuttavia, non vi può essere alcuna garanzia che un mercato di scambio attivo per le azioni ETF si svilupperà o sarà mantenuto, o che la loro quotazione continuerà o rimarrà invariata. Sebbene le azioni degli ETF siano scambiabili su mercati secondari, potrebbero non essere scambiabili prontamente in tutte le condizioni di mercato e potrebbero essere scambiate a significativi sconti in periodi di tensione di mercato.