Beyond Bulls & Bears

Azionari

Rapide riflessioni: Vivere ai tempi del COVID

Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Cinese semplificato Francese Tedesco Spagnolo Polacco

Il coronavirus ha imposto alle società di tutto il mondo una serie di cambiamenti nei comportamenti, compreso il modo in cui lavoriamo, acquistiamo e interagiamo con gli altri. Stephen Dover, Head of Equities, parla di come il COVID-19 abbia influenzato anche le decisioni dei nostri investitori.

Stiamo tutti vivendo ai “tempi del COVID”, perché non abbiamo mai visto un cambiamento nella nostra società, cultura ed economia rapido come quello causato dal coronavirus. Ecco alcuni punti di riflessione per gli investitori.

  • A pesare sui portafogli degli investitori è oggi l’incertezza più che il rischio: I mercati hanno mostrato una volatilità giornaliera record. Al tempo stesso, i movimenti di prezzo di diverse asset class (ad eccezione dei Treasury USA) sono altamente correlati poiché i mercati fanno i conti con l’incertezza. Una volta che conosceremo tempi ed estensione del COVID-19, la volatilità del mercato dovrebbe attenuarsi.
  • È un quadro negativo, ma non è paragonabile alla Grande Depressione: Durante la Grande Depressione, i responsabili politici hanno inasprito la politica monetaria, mal indirizzato gli aiuti fiscali, innalzato le barriere commerciali, tentato di tagliare il bilancio pubblico e aumentato l’onere normativo per le banche e l’industria. I responsabili politici hanno imparato da questi errori; quantomeno, è più difficile che l’attuale risposta globale al coronavirus peggiori la situazione.
  • La liquidità è tutto per le aziende e gli investitori: Assistiamo alla vendita indiscriminata di investimenti di ogni tipo per raccogliere liquidità. Asset e flussi dei fondi del mercato mercato monetario segnano i massimi storici. Per sopravvivere a redditi e flussi di cassa in caduta libera, le società stanno rafforzando i loro bilanci. Le aziende avranno bisogno di bilanci più solidi e i singoli investitori dovranno accantonare “fondi di emergenza” più cospicui.
  • Previsione degli utili aziendali in tempo di guerra: La maggior parte delle aziende non è in grado di prevedere gli utili in questo scenario volatile. Le attuali proiezioni degli utili almeno per i prossimi due trimestri sono eccessive e saranno riviste al ribasso. Gli investitori dovrebbero guardare oltre e basare le valutazioni aziendali su una prospettiva a lungo termine degli utili, sulla solidità del bilancio e sulla qualità dei flussi di cassa.
  • Il riacquisto di azioni rallenterà negli Stati Uniti: Il riacquisto di azioni aumenta l’utile per azione (EPS) di una società, perché abbatte il numero di azioni. Pertanto, nei prossimi anni vedremo probabilmente una riduzione dei tassi di crescita degli EPS e dei flussi verso i mercati azionari; nel 2019 i riacquisti di azioni hanno fatto registrare afflussi medi del 40% circa nel mercato azionario statunitense. Prevedo che rallenterà anche la crescita dei dividendi, e probabilmente assisteremo a tagli di alcuni dividendi.
  • Deficit di bilancio a perdita d’occhio: A livello globale, il COVID-19 è servito da catalizzatore per le politiche in stile Teoria Monetaria Moderna (TMM) che non si preoccupano dell’entità dei disavanzi di bilancio. Il rischio è che, una volta introdotte, queste politiche “temporanee” possano diventare permanenti. Quando l’economia comincerà a riprendersi, è probabile che si verificheranno aumenti delle imposte, comprese quelle sulle plusvalenze. Le decisioni di portafoglio degli investitori dovrebbero considerare il basso livello delle aliquote fiscali attuali e il loro probabile futuro innalzamento.

In un mondo nel quale i rendimenti dei titoli di Stato sono pari o inferiori a zero e una spesa fiscale raggiunge ingenti livelli, le azioni dovrebbero segnare una marcata sovraperformance in termini relativi. La recente ondata di vendite indiscriminate di azioni ha creato sacche di valore relativo per gli investitori.

Quest’anno le azioni asiatiche, soprattutto quelle cinesi, hanno sovraperformato molti altri mercati e il recente rialzo del dollaro USA ha reso relativamente meno costose anche le azioni estere. Le aziende tecnologiche globali e le società internet cinesi dovrebbero beneficiare di un ulteriore rafforzamento della loro posizione competitiva, grazie all’attuale stato di blocco, mentre il mondo intero impara a lavorare e vivere a distanza.

QUALI SONO I RISCHI?

Tutti gli investimenti comportano rischi, inclusa la possibile perdita di capitale. I prezzi delle obbligazioni si muovono di norma in direzione opposta a quella dei tassi di interesse. Di conseguenza, a mano a mano che i prezzi delle obbligazioni si adeguano a un aumento dei tassi d’interesse, il prezzo delle azioni può diminuire. Le variazioni dei tassi di interesse possono incidere sul prezzo e sul rendimento delle azioni. I buoni del Tesoro, se detenuti sino alla scadenza, offrono un rendimento fisso e un valore fisso del capitale; il pagamento di interessi e capitale è garantito. I prezzi delle azioni subiscono rialzi e ribassi, talvolta estremamente rapidi e marcati, a causa di fattori che riguardano singole società, particolari industrie o settori o condizioni di mercato generali. Gli investimenti in titoli esteri comportano rischi particolari associati ad esempio a fluttuazioni dei cambi, instabilità economica e sviluppi politici. Gli investimenti nei mercati emergenti implicano rischi dello stesso tipo ma più elevati, oltre a rischi specifici delle aree emergenti legati alle minori dimensioni e alla minore liquidità dei mercati, nonché alla mancanza di solide strutture legali, politiche, economiche e sociali a supporto dei mercati mobiliari. Tali investimenti sono esposti a una forte volatilità dei prezzi nel corso dell’anno.

INFORMAZIONI LEGALI IMPORTANTI

Il presente materiale è d’interesse puramente generale e non deve essere interpretato come una consulenza d’investimento personale o una raccomandazione o sollecitazione di acquisto, vendita o detenzione di un titolo o adozione di una strategia d’investimento. Esso non costituisce una consulenza legale o fiscale. Le opinioni espresse sono quelle del gestore degli investimenti e i commenti, le opinioni e le analisi si intendono rese alla data di pubblicazione e sono soggette a modifiche senza preavviso. Le informazioni fornite in questo materiale non intendono costituire un’analisi completa di ogni fatto sostanziale concernente alcun paese, regione o mercato. Tutti gli investimenti comportano rischi, inclusa la possibile perdita di capitale. Nella redazione di questo materiale potrebbero essere stati utilizzati dati provenienti da fonti esterne che non sono stati controllati, validati o verificati in modo indipendente da Franklin Templeton Investments (“FTI”). FTI non si assume alcuna responsabilità in ordine a perdite derivanti dall’uso di queste informazioni e la considerazione dei commenti, delle opinioni e delle analisi in questo materiale è a sola discrezione dell’utente. Prodotti, servizi e informazioni potrebbero non essere disponibili in tutte le giurisdizioni e sono offerti da società affiliate di FTI e/o dai rispettivi distributori come consentito dalle leggi e normative locali. Si invita a rivolgersi al proprio consulente professionale per ulteriori informazioni sulla disponibilità di prodotti e servizi nella propria giurisdizione. Pubblicato da Franklin Templeton International Services S.à r.l. Succursale Italiana – Corso Italia, 1 – 20122 Milano – Tel: +39 0285459 1- Fax: +39 0285459 222

CFA® e Chartered Financial Analyst® sono marchi registrati di proprietà del CFA Institute.