Beyond Bulls & Bears

Azionari

Un’ottica di lungo termine sull’innovazione

Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese Cinese semplificato Francese Tedesco Spagnolo Polacco

Matt Moberg di Franklin Equity Group suggerisce di guardare oltre i timori di breve termine del mercato e di concentrarsi su cinque temi a contenuto tecnologico che potrebbero rivoluzionare le pratiche commerciali tradizionali nel prossimo decennio.

I mercati odiano l’incertezza. Nel primo trimestre del 2020, i mercati globali hanno assorbito due shock: Il COVID-19 e un improvviso calo di oltre il 50% del prezzo del greggio. È prevedibile che i mercati azionari non abbiano reagito bene a questi due eventi inattesi.

Guardando al resto del 2020, riteniamo che i mercati azionari si troveranno a fare i conti con la durata e la gravità del coronavirus e con il conseguente impatto sull’economia globale, sulle prospettive della domanda e dell’offerta di petrolio, oltre che con la reazione dei governi a questi eventi.

Gli shock improvvisi, le brusche contrazioni e gli imprevisti del mercato sono destabilizzanti e disagevoli, ma sono anche molto normali. Nella mia carriera di investitore, si sono verificati due volte, nel 1999-2000 e nel 2007-2008. Se la contrazione è abbastanza ampia e robusta, acquista un suo nome come, negli esempi sopra citati, “la bolla delle dot-com” e “la crisi finanziaria globale”.

Quasi per definizione, ognuno di questi eventi deve essere improvviso, incerto e senza precedenti, ossia “non essersi mai verificato o manifestato prima”. Ad esempio, la vittoria di Donald Trump alle presidenziali americane nel 2016 è stata, a detta di molti, una sorpresa; tuttavia, è stata ben accolta e di certo le sorprese non sono mancate nemmeno in precedenti elezioni presidenziali americane. Il doppio shock generato dal COVID-19 e dall’improvviso e simultaneo calo del prezzo del petrolio non ha precedenti.

Una delle tante caratteristiche che rendono noi esseri umani unici nel regno animale è la nostra capacità di riunirci in reti molto più grandi di noi stessi. Le nazioni, la religione, i governi e l’economia globale ne sono tutti esempi. L’economia mondiale vuole rimettersi all’opera. I lavoratori vogliono rimettersi all’opera. I governi vogliono rimettersi all’opera. Pertanto, credo sia ragionevole supporre che ci rimetteremo all’opera.

Se da un lato si può sostenere che attraversiamo una crisi senza precedenti, dall’altro è normale che i mercati azionari e l’economia globale subiscano degli shock. I nostri portafogli investono nell’innovazione da più di 50 anni e adottano un processo che aiuta a rimuovere la paura, il panico, la distorsione dei singoli titoli, a nostro avviso aiutandoci a prendere buone decisioni in tempi di crisi. Questo processo è il risultato della gestione dei capitali attraverso i molteplici eventi unici susseguitisi nel passato, interpretando ogni crisi come un’opportunità per perfezionarsi, migliorare e imparare dalla crisi precedente. In questo periodo, naturalmente, abbiamo messo in atto quel processo e lo abbiamo eseguito secondo il nostro programma prestabilito.

Chi conosce la nostra filosofia di investimento sa che abbiamo strutturato questo periodo di accelerazione degli investimenti su cinque temi: commercio dirompente, scoperta genomica, macchine intelligenti, nuova finanza e dati esponenziali.

In questo periodo di crisi, crediamo che ognuno di questi temi avrà un ruolo importante.

E-commerce globale: Abbiamo già osservato un buon incremento nell’uso dell’e-commerce, in quanto i consumatori evitano il contatto fisico nei negozi.

Scoperte genetiche: Il COVID-19 viene analizzato a livello genetico per testare e vaccinare la nostra popolazione contro il virus.

Macchine intelligenti: L’automazione sarà affidata alla produzione e alla consegna di merci con un contatto umano minimo.

Nuova finanza: I fornitori di soluzioni di pagamento continueranno a ridurre i problemi di pagamento e il contatto fisico nel commercio tradizionale.

Dati esponenziali: L’affidabilità e la velocità di trasmissione dei dati hanno aiutato le aziende a continuare a operare in modo efficiente grazie alle videoconferenze e alle collaborazioni professionali, mentre a casa i consumatori si divertono con programmi di intrattenimento, socializzazione e videogiochi di alto livello.

Investiamo nell’innovazione. Siamo ottimisti. Viviamo in un momento di accelerazione del cambiamento economico dovuto all’accelerazione dell’innovazione. Crediamo nel nostro governo e nelle nostre istituzioni e/o nella capacità collettiva di risolvere questa crisi. Disponiamo di nuovi strumenti per combattere una pandemia che viviamo per la prima volta nella nostra storia. Infine, abbiamo spesso osservato che scommettere contro l’ingegno umano non è un buon investimento.  Continueremo a credere che usciremo da questo processo più forti e meglio preparati per il futuro.

Siamo coscienti di vivere momenti di disagio e stress. Tutti noi del team auguriamo a voi e alla vostra famiglia sicurezza e salute in questi tempi che non hanno precedenti.

Informazioni legali importanti 

Il presente materiale è d’interesse puramente generale e non deve essere interpretato come una consulenza d’investimento personale o una raccomandazione o sollecitazione di acquisto, vendita o detenzione di un titolo o adozione di una strategia d’investimento. Esso non costituisce una consulenza legale o fiscale.

Le società e i case study citati in questo numero sono utilizzati a scopo puramente illustrativo; al momento non sono necessariamente detenuti investimenti da alcun portafoglio cui Franklin Templeton Investments fornisce consulenza. Le opinioni espresse intendono unicamente fornire informazioni sul modo in cui i titoli sono analizzati. Le informazioni fornite non costituiscono una raccomandazione o una consulenza finanziaria individuale per un titolo, una strategia o un prodotto d’investimento particolare e non costituiscono un’indicazione delle intenzioni di negoziazione di alcun portafoglio gestito da Franklin Templeton. La presente descrizione non costituisce un’analisi completa di tutti i fatti rilevanti relativi a un settore, un titolo o un investimento e non deve essere considerata come una raccomandazione d’investimento. Intende fornire una visione del processo di selezione del portafoglio e di ricerca. Quanto citato è stato ottenuto da fonti considerate affidabili, ma non è stato verificato in modo indipendente per quanto concerne la completezza o accuratezza. Queste opinioni non devono essere considerate come una consulenza in materia d’investimenti o un’offerta di un particolare titolo. I rendimenti passati non sono indicazione o garanzia di risultati futuri.

Le opinioni espresse sono del gestore degli investimenti e i commenti, le opinioni e le analisi si intendono rese alla data di pubblicazione e sono soggette a modifiche senza preavviso. Le informazioni fornite in questo materiale non intendono costituire un’analisi completa di ogni fatto sostanziale concernente qualsiasi paese, regione o mercato.

Nella realizzazione del presente materiale, possono essere stati utilizzati dati provenienti da fonti terze che Franklin Templeton (“FT”) non ha verificato, convalidato o certificato in modo indipendente. FT non si assume alcuna responsabilità in ordine a perdite derivanti dall’uso di queste informazioni e la considerazione dei commenti, delle opinioni e delle analisi in questo materiale è a sola discrezione dell’utente.

Prodotti, servizi e informazioni potrebbero non essere disponibili in tutte le giurisdizioni e sono offerti da società affiliate di FT e/o dai rispettivi distributori come consentito dalle leggi e normative locali. Si invita a rivolgersi al proprio consulente professionale per ulteriori informazioni sulla disponibilità di prodotti e servizi nella propria giurisdizione.

Pubblicato da Franklin Templeton International Services S.à r.l. Succursale Italiana – Corso Italia, 1 – 20122 Milano – Tel: +39 0285459 1- Fax: +39 0285459 222

Quali sono i rischi?

Tutti gli investimenti comportano rischi, inclusa la possibile perdita del capitale. Il valore degli investimenti può subire rialzi e ribassi; di conseguenza, gli investitori potrebbero non recuperare l’intero ammontare del proprio investimento. Gli investimenti in industrie in rapida crescita, quali il settore tecnologico e della salute (storicamente volatili), possono determinare fluttuazioni dei prezzi più elevate, soprattutto nel breve termine, a causa della rapidità dei cambiamenti e dello sviluppo dei prodotti nonché dei regolamenti governativi delle società che privilegiano i progressi scientifici o tecnologici o l’approvazione normativa di nuovi farmaci e strumenti medici. Le società a bassa e media capitalizzazione possono essere particolarmente sensibili ai cambiamenti delle condizioni economiche e le loro prospettive di crescita hanno un grado di certezza minore rispetto a quelle di società maggiori, più tradizionali. Le strategie a gestione attiva possono registrare perdite qualora le valutazioni del gestore in termini di mercati, tassi d’interesse oppure attrattività, valori relativi, liquidità o potenziale apprezzamento di particolari investimenti operati per un portafoglio si dimostrino errate. Non può esservi alcuna garanzia che le tecniche o le decisioni in materia di investimenti di un gestore generino i risultati desiderati.