Beyond Bulls & Bears

La corsa a ostacoli della Brexit per Theresa May è appena iniziata: la prospettiva di un investitore
Obbligazionari

La corsa a ostacoli della Brexit per Theresa May è appena iniziata: la prospettiva di un investitore

Il primo ministro britannico Theresa May sembra aver superato il primo ostacolo del suo impegnativo percorso per assicurare una soft Brexit. Inizialmente, il suo governo aveva sostenuto l’accordo di uscita concordato dai negoziatori del Regno Unito e dell’Unione Europea. In seguito, tuttavia, vari membri del governo hanno rassegnato le dimissioni. David Zahn, Head of European Fixed Income, Franklin Templeton, ricorda che la sfida più difficile per lei deve ancora arrivare. Ritiene inoltre che sul percorso di Theresa May rimangano numerosi ostacoli, con profonde implicazioni per gli investitori.

L’intervento della Fed sul suo bilancio
Obbligazionari

L’intervento della Fed sul suo bilancio

La riunione di settembre della Federal Reserve sulla politica monetaria si è sostanzialmente svolta come previsto, in quanto i responsabili della politica monetaria statunitense hanno lasciato invariato il tasso d’interesse di riferimento di breve termine della banca centrale. La Fed non ha chiarito quando intenda cominciare a ridurre il proprio consistente bilancio ed ha aggiornato le proprie previsioni economiche e proiezioni per i tassi d’interesse. Chris Molumphy, CIO, Franklin Templeton Fixed Income Group, sostiene che quanto comunicato dopo l’ultima riunione della Fed non dovrebbe preoccupare molto i mercati e che il prossimo rialzo dei tassi d’interesse sembra con ogni probabilità destinato ad essere effettuato a dicembre.

La crescita del mercato obbligazionario europeo osservata in prospettiva

La crescita del mercato obbligazionario europeo osservata in prospettiva

Condividiamo la comune previsione che la volatilità osservata negli ultimi mesi sia destinata a continuare per qualche tempo e per questo motivo ci aspettiamo che la BCE proceda a un maggiore allentamento, probabilmente ampliando ulteriormente il proprio programma di QE.