Beyond Bulls & Bears

Perché giudichiamo positivamente la candidatura di Lagarde alla BCE
Obbligazionari

Perché giudichiamo positivamente la candidatura di Lagarde alla BCE

La candidatura di Christine Lagarde alla guida della Banca Centrale Europea (BCE) potrebbe essere stata una sorpresa, ma David Zahn, Head of European Fixed Income, giudica positivamente questa scelta. Spiega perché se otterrà l’incarico sia la sua esperienza sia la mancanza di questa per certi aspetti potrebbero risultare entrambe positive. Inoltre condivide la convinzione secondo cui, indipendentemente da chi otterrà l’incarico, presumibilmente la BCE proseguirà sulla sua strada accomodante.

Difficile prova per la Fed di fronte ai tagli pretesi dal mercato
Obbligazionari

Difficile prova per la Fed di fronte ai tagli pretesi dal mercato

Nel corso della riunione di giugno, la Federal Reserve degli Stati Uniti non ha variato i tassi d’interesse; nel sottolineare che le sue decisioni politiche si baseranno sui dati, ha però anche espresso la convinzione che una riduzione dei tassi sia sempre più vicina. Sonal Desai, CIO, Franklin Templeton Fixed Income Group, illustra le sue riflessioni sulla riunione e spiega perché la Fed potrebbe accentuare la futura volatilità del mercato.

La curva dei rendimenti statunitensi segnala una recessione negli Stati Uniti?
Obbligazionari

La curva dei rendimenti statunitensi segnala una recessione negli Stati Uniti?

Sebbene una parte della curva dei rendimenti statunitensi si sia invertita quest’anno, i nostri responsabili degli investimenti spiegano perché non sono preoccupati per una recessione negli Stati Uniti, almeno non ancora.

Fed: avanti a tutta velocità
Obbligazionari

Fed: avanti a tutta velocità

Chris Molumphy, CIO di Franklin Templeton Fixed Income Group, illustra le sue opinioni sul percorso di “normalizzazione” intrapreso dalla Fed alla luce di quello che egli considera un contesto economico statunitense complessivamente positivo.

Riunione della BCE: nuova chiarezza, ma non spingiamoci troppo oltre
Obbligazionari

Riunione della BCE: nuova chiarezza, ma non spingiamoci troppo oltre

David Zahn, Head of European Fixed Income, Franklin Templeton, illustra le sue riflessioni sulla riunione della BCE e spiega perché non si attende un rialzo dei tassi d’interesse nell’Eurozona prima del 2020.

A giugno la Fed attua un altro rialzo dei tassi d’interesse
Obbligazionari

A giugno la Fed attua un altro rialzo dei tassi d’interesse

In occasione della riunione di politica monetaria di giugno, la Federal Reserve ha continuato la sua politica monetaria restrittiva, aumentando il tasso d’interesse di riferimento per la seconda volta quest’anno e la settima volta da dicembre 2015. Chris Molumphy, Chief Investment Officer, Franklin Templeton Fixed Income Group, illustra il panorama della politica monetaria statunitense sulla scia della riunione.

A marzo la Fed mantiene l’impostazione restrittiva
Obbligazionari

A marzo la Fed mantiene l’impostazione restrittiva

Nel corso della riunione di politica monetaria di marzo, la Federal Reserve ha mantenuto l’impostazione restrittiva, aumentando il tasso d’interesse di riferimento per la sesta volta da dicembre 2015. Chris Molumphy, Chief Investment Officer, Franklin Templeton Fixed Income Group, illustra le sue riflessioni sulle implicazioni per il mercato e spiega perché ritenga che per gli investitori sia più importante concentrarsi sui fondamentali (robusti) dell’economia statunitense che sul numero esatto di aumenti dei tassi quest’anno.

Prospettive per le elezioni italiane e perché non ci attendiamo un aumento dei tassi da parte della BCE prima del 2020
Obbligazionari

Prospettive per le elezioni italiane e perché non ci attendiamo un aumento dei tassi da parte della BCE prima del 2020

Le imminenti elezioni italiane non attirano lo stesso genere di attenzione tra gli investitori di quelle tenutesi lo scorso anno in Francia e Germania. Proprio per questo David Zahn, Head of European Fixed Income, Franklin Templeton, ritiene che un risultato inaspettato potrebbe provocare una reazione di mercato fuori dal normale. E sebbene gli investitori sembrino più preoccupati della traiettoria della politica monetaria dell’Eurozona, Zahn è convinto che vi siano buone ragioni per ritenere che la Banca Centrale Europea attenderà fino al 2020 prima di aumentare i tassi d’interesse.

La Fed alza ancora i tassi a dicembre
Obbligazionari

La Fed alza ancora i tassi a dicembre

“È importante ricordare che gli Stati Uniti si trovano in un contesto di tassi d’interesse storicamente molto bassi e, francamente, tenere i tassi prossimi a zero per un periodo protratto non è davvero salutare. Siamo del parere che questo ciclo di stretta rappresenti in effetti una normalizzazione dei tassi.” - Christopher Molumphy, Franklin Templeton Fixed Income Group

In the Know: La scelta di Trump per il presidente della Fed è positiva per il mercato
Prospettive

In the Know: La scelta di Trump per il presidente della Fed è positiva per il mercato

“I mercati dovrebbero reagire con una certa tranquillità alla nomina di Powell, in quanto è già attualmente un governatore della Fed e più o meno rappresenta come stanno le cose, l’ordinaria amministrazione. Ha lavorato a fianco di Yellen dal 2012 e hanno una filosofia simile (tendenzialmente moderata).” - Christopher Molumphy, Franklin Templeton Fixed Income Group

L’intervento della Fed sul suo bilancio
Obbligazionari

L’intervento della Fed sul suo bilancio

La riunione di settembre della Federal Reserve sulla politica monetaria si è sostanzialmente svolta come previsto, in quanto i responsabili della politica monetaria statunitense hanno lasciato invariato il tasso d’interesse di riferimento di breve termine della banca centrale. La Fed non ha chiarito quando intenda cominciare a ridurre il proprio consistente bilancio ed ha aggiornato le proprie previsioni economiche e proiezioni per i tassi d’interesse. Chris Molumphy, CIO, Franklin Templeton Fixed Income Group, sostiene che quanto comunicato dopo l’ultima riunione della Fed non dovrebbe preoccupare molto i mercati e che il prossimo rialzo dei tassi d’interesse sembra con ogni probabilità destinato ad essere effettuato a dicembre.

È il momento di adeguare le aspettative? Aggiornamento di settembre
Prospettive

È il momento di adeguare le aspettative? Aggiornamento di settembre

I mercati globali hanno evidenziato una relativa calma quest’estate, nonostante molte incertezze. I rischi geopolitici hanno continuato a dominare la scena in tutto il mondo e, in alcune aree, sembrano inoltre imminenti cambiamenti nelle politiche monetarie. La domanda fondamentale che si pongono molti investitori è se il tranquillo periodo estivo di bassa volatilità cederà il passo a un autunno più turbolento. I leader degli investimenti senior di Franklin Templeton illustrano le loro riflessioni sui mercati e le aree in cui ravvisano future opportunità e rischi.